Calcio Catania, SIGI salva matricola 11700 – interviste

Calcio Catania, SIGI salva matricola 11700 – interviste

Calcio Catania, SIGI salva matricola 11700 – interviste. Adesso finalmente è realtà: il Calcio Catania avrà una nuova proprietà, quella della SIGI Spa.

In mattinata nella sezione fallimentare del Tribunale, sotto la supervisione del giudice delegato Alessandra Bellia, si è conclusa la procedura competitiva,

procedura inerente alla cessione del club di via Magenta.

Dopo circa quaranta minuti dall’apertura delle buste con le offerte e la verifica della relativa documentazione, la SIGI Spa è riuscita a vincere il bando.

Nel corso della procedura competitiva non è stato necessario avviare l’asta di rialzo dal momento che l’unica offerta presentata è stata quella della stessa SIGI.

Termina così l’era Pulvirenti per lasciare spazio a una delle pagine più emblematiche della storia del club rossazzurro grazie al lavoro svolto dalla SIGI,

un lavoro avviato a inizio 2020 con la nascita del Comitato promotore per l’acquisizione del Catania Calcio e culminato con la vincita del bando.

Incredibile anche la gioia dei tifosi fuori dal Tribunale verso l’avvocato Giovanni Ferraù, presidente del CdA della SIGI che, all’uscita dall’aula giudiziaria,

è stato accerchiato da decine di sostenitori etnei orgogliosi per la sopravvivenza della matricola 11700 e un fallimento evitato.

Adesso per i nuovi acquirenti del club di via Magenta inizia un nuovo percorso, quello del rilancio della società di Torre del Grifo.

Innanzitutto la prima tappa da compiere sarà la stipula del rogito notarile,

ovvero l’atto che formalizza ufficialmente il passaggio di proprietà nelle mani della SIGI Spa.

A tal proposito, stando a un comunicato ufficiale del Calcio Catania, l’atto giudiziario in questione sarà compilato venerdì 24 luglio.

Così domani la SIGI, in quanto aggiudicataria delle quote del 95,4% del club etneo e dei “beni e delle attrezzature allocati presso il Centro Sportivo Torre del Grifo,

ed iscritti nello stato patrimoniale attivo di Finaria S.p.A. in liquidazione”, subentrerebbe nella proprietà del Calcio Catania.

Poi la SIGI dovrà affrontare l’altra sfida dell’iscrizione al campionato di Serie C per la prossima stagione da presentare entro il 5 agosto,

essendo necessario sia inoltrare le dovute garanzie alla COVISOC e alle connesse federazioni,

sia saldare gli stipendi in arretrato a calciatori tesserati, scongiurando ulteriori penalizzazioni.

Ai microfoni di InformaSicilia.it l’avvocato Ferraù ha palesato la sua soddisfazione per il risultato storico conseguito.

Queste le sue parole:

“Ci abbiamo creduto. Avevamo promesso a questa città che avremmo salvato la matricola: la matricola è salva”.

Sulla concorrenza con altri acquirenti:

“Un’altra offerta non c’è stata, o quantomeno non è stata formalizzata”.

Conclude l’avvocato Ferraù:

“Inizia l’era del Calcio Catania, di una nuova società smart, più attenta a quelli che sono il gioco, il vivaio”.

E chiosa:

“Abbiamo bisogno dei tifosi, Basta tribunali e basta avvocati”.

Martino Schillaci

Pubblicato per gentile concessione della testata giornalistica informasicilia.it

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *